fbpx

Associazione Luca Ometto

In offerta!

L’orologio della mente

15,00 10,00

Libro sulla salute psicologica, scritto da Vera Slepoj

Categoria:

La ricaduta è un meccanismo psicologico che si mette in atto quando le aspettative di guarigione sono così forti da accelerarne i processi, una sorta di forzatura, voler guardare a tutti i costi i lati positivi di un cambiamento, di una ripresa, senza valutarne la fragilità e l’esame di realtà.

Questo periodo storico è fortemente legato all’evento eccezionale della pandemia da Covid-19 e alla difficoltà in atto di accettarne la portata e tutte le tappe che la collettività ha dovuto e dovrebbe ancora fare.

Mentre si scrive, dopo la prima fase della primavera 2020, la seconda di rifiuto e resurrezione dell’estate e la terza di rimozione, si sta entrando nella quarta fase rappresentata dalla caduta dell’illusione e dalla disillusione con la nuova ricaduta, le sue varianti e il fallimento, di fatto in atto, dell’utopia dei vaccini come risorsa salvifica.

Ricadere è come diventare recidivi, che vuol dire non essere capaci di elaborare la realtà, accettarne le caratteristiche e rifondare i comportamenti.

Vecchi stili di vita si incrociano con quelli nuovi, necessari, ma di fatto non elaborati né accettati.

La difficoltà di metabolizzare i cambiamenti fa parte di una cultura, di una ostinazione quasi ossessiva ad applicare interpretazioni che sono fortemente slegate dalla realtà.

All’ansia e all’angoscia si sostituiscono l’insofferenza, la confusione emotiva, la paura di chi si sente senza più confini.

La mancanza di coerenza della comunicazione sanitaria, la precarietà degli assetti, della politica e della governance, l’impreparazione del tessuto sociale a reggere la frustrazione, rende progressivamente problematici i comportamenti sociali. Aggressività, insofferenza e altri atteggiamenti mentali sono e saranno i sintomi di nuove patologie sociali.

Purtroppo, la precarietà della gestione sanitaria, la frantumazione delle regole del passato, che di fatto però erano gravemente assenti, sta impoverendo la capacità di convertire i comportamenti da negativi a costruttivi.

L’isolamento mentale non è dato da quante persone vediamo o con cui ci relazioniamo, ma è la tendenza e il rifiuto a capire cosa accade nella nostra vita, una sorta di incapacità e rifiuto all’incontro di se stessi.

Il rimpianto verso il passato è il meccanismo più facile, ma anche quello più compromissorio, perché con il prolungamento delle difficoltà a vedere una fine, sarà l’infelicità a essere un sentimento possibile e presente nel futuro dell’individuo, assieme a una caduta del desiderio e all’inizio della passività, la difficolta di fatto di mettere in atto creatività e motivazione, così importanti per agire sui nostri atteggiamenti nel lavoro e negli affetti.

I vaccini sembrano un obiettivo poco rassicurante, confuso e dai comunicatori ambivalenti, tutti meccanismi che portano a aumentare l’angoscia.

Attualmente nessuno riesce a capire che i messaggi chiari e determinati, anche se fortemente condizionanti, potrebbero riportare la collettività verso una buona visione della vita.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “L’orologio della mente”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *