La straordinaria storia di Mattia: il coraggio nella lotta al glioblastoma

In Memoria di Mattia Passante: il giovane brindisino che ha sfidato con ironia il glioblastoma

La storia di Mattia Passante

E’ metà Novembre quando un giovane brindisino ci contatta: vorrebbe ordinare da Padova i nostri panettoni natalizi per offrire un gentile dono a parenti e amici e fare un regalo alla ricerca scientifica, sostenendo la nostra causa.

Solo successivamente abbiamo scoperto che il giovane ragazzo, Mattia Passante era affetto da glioblastoma e da circa un anno e mezzo combatteva coraggiosamente contro il tumore.

Una delle ultime volontà di Mattia è stato sostenere la ricerca: da questo profondo desiderio ne è nata una catena di solidarietà. Una raccolta fondi organizzata tra pochi intimi, parenti e amici, si è trasformata in una travolgente ondata di donazioni in cui hanno partecipato più di 900 persone. Adesso la famiglia di Mattia ha organizzato una seconda raccolta, disponibile su Go Fund Me: l’obiettivo è aiutarci a raccogliere 54.000 euro per sostenere la borsa di studio di un ricercatore interno all’Istituto Oncologico Veneto.

La storia di Mattia ci è di ispirazione: ha combattuto con coraggio il tumore cerebrale, sfidando il glioblastoma con ironia e serenità. Ha pubblicato un diario (disponibile nel nostro e-commerce a questo link) che racconta in modo sincero la malattia.

Vi lasciamo uno stralcio della prefazione, scritta da suo padre, in cui raccogliamo il senso dell’incredibile storia di Mattia.

“Mattia lascia una grande eredità: il suo sorriso, la sua voglia di combattere, la voglia di essere sprone per chi la malattia la vive con rassegnazione lasciandosi andare. A noi spetta raccogliere tale eredità e farne tesoro, ogni piccolo gesto proteso a chi soffre è un seme che dobbiamo coltivare e far crescere e, credetemi, giovamento non lo ha solo chi il gesto lo riceve, ma soprattutto noi, se è l’amore a spingerci a farlo.”