fbpx

Associazione Luca Ometto

#ADOTTAUNRICERCATORE:
la ricerca scientifica è l'unica speranza per i tumori cerebrali

Leggi la storia di Luca Ometto, disponibile sul nostro e-commerce

La battaglia  di Mattia: leggi la sua storia e dona su GoFundMe

Un gesto semplice: dona il tuo 5x 1000.

Basta inserire il nostro codice fiscale nella tua dichiarazione dei redditi.

CF 92283730288

L’Associazione Luca Ometto Onlus nasce dalla volontà di Luca di aiutare tutte le persone colpite da glioblastoma, dando loro una speranza di guarigione. 

Nel corso di questi anni abbiamo sostenuto il Progetto Regoma, studio multicentrico nazionale coordinato dall’U.O.C. di Oncologia 1 dell’Istituto Oncologico Veneto, I.O.V-I.R.C.C.S. di Padova, unico al mondo ad aver dimostrato e valutato l’efficacia di un nuovo trattamento, il farmaco Regorafenib, che aumenta la sopravvivenza dei pazienti affetti da il glioblastoma recidivato.

L’Associazione promuove la ricerca scientifica sul glioblastoma, finanziandola attraverso la raccolta di fondi. Dal 2017 siamo a fianco dell’istituto Oncologico Veneto (I.O.V) per trovare una cura definitiva a questo tumore cerebrale.

Nel 2021 abbiamo deciso di aiutare lo I.O.V. per sostenere un Ricercatore interamente dedicato alla prosecuzione degli studi sul Progetto REGOMA.

Luca Ometto era un giovane imprenditore padovano, mancato per glioblastoma a soli 41 anni. E’ stato un precursore nel mondo dell’e-commerce, insignito del Premio Volpato-Menato 2016 per le sue capacità visionarie e imprenditoriali come fondatore di Webster srl (Libreriauniversitaria.it), la prima libreria on line del Nordest, diventata una delle più importanti librerie on line in Italia.

 

La storia di Luca parte da un’intuizione geniale: creare agli inizi del 2000 uno dei primi siti online per vendere libri. Dall’idea di un giovane e brillante ragazzo è nata Libreriauniversitaria.it, che in pochi anni è diventata uno dei principali siti e-commerce in Italia.

Un giorno in compagnia del suo migliore amico, Luca parte per ritirare il camper che tanto aveva sognato.

Arrivato a destinazione nausea e un malditesta fortissimo lo costringono ad una visita rapida al pronto soccorso: aveva 38 anni al momento della diagnosi di glioblastoma, il più aggressivo dei tumori cerebrali.